Post Taggati ‘Internet of Things’

IoT? Sì, grazie!

BY: Staff AZ Services Point

Termini quali nanotecnologie, robotica, industria 4.0, biotecnologie sono ormai entrati nel linguaggio comune, a cui si è recentemente aggiunto anche l’Internet of Things (IoT). Ma che cos’è precisamente la  “Rete delle Cose”?

Ad oggi, nel mondo ci sono circa 12 miliardi di dispositivi mobili intelligenti, circa 1,7 per ciascuno di noi. E grazie a un continuo dialogo fra di loro e con la realtà che li circonda, essi diventeranno strumenti sempre più intelligenti, adattandosi alle diverse circostanze. Qualche esempio? Sveglie che suonano prima in caso di traffico, piante che comunicano quando è ora di bagnarle, farmaci che avvisano se si dimentica di assumerli. Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo attivo grazie al collegamento a Internet.

L’obiettivo dell’Internet of Things è di far sì che il mondo elettronico tracci una mappa di quello reale, dando un’identità elettronica alle cose e ai luoghi dell’ambiente fisico. Gli oggetti e i luoghi muniti di etichette di identificazione a radio frequenza comunicheranno informazioni in rete o a dispositivi mobili come i telefoni cellulari. Ma l’Internet of Things potrà cambiare notevolmente anche il rapporto tra produttori, rivenditori e utilizzatori finali, verso un mondo sempre più connesso e intelligente. Si tratta infatti di una tecnologia con enormi potenzialità per l’industria, incluso il settore del cleaning dove i vantaggi saranno innumerevoli.

A livello gestionale manutentivo si possono ottenere miglioramenti nel servizio per le macchine e le attrezzature, grazie alla possibilità di scambiare in tempo reale dati per assistenza e interventi di manutenzione o sostituzione. Per ciò che riguarda la gestione, le nuove tecnologie permettono un monitoraggio costante anche remoto dell’attività in cantiere. Grazie alla tecnologia beacon-based (antennine disseminate nell’ambiente in grado di dialogare con apparecchi come smartphone e tablet) è oggi possibile tracciare al millimetro il lavoro di carrelli, ma anche di prodotti quali panni, mop e attrezzature varie. Un panno utilizzato in zone a rischio dovrà infatti essere trattato in maniera diversa rispetto ad altri che hanno pulito un’area comune. E lo stesso discorso vale anche per gli ambienti da pulire.

Per quanto riguarda il settore del cleaning, il futuro in questo senso è la building intelligence in grado di comunicare le necessità di pulizia: in diversi hotel, ad esempio, le camere “dialogano” comunicando quando un pavimento viene sporcato, quando una stanza è stata usata, quando un ambiente è stato sporcato e va quindi pulito. E non si parla solo di alberghi, ma di tutti gli ambienti complessi.

Sono davvero innumerevoli dunque gli scenari che l’Internet of Things può aprire anche nel settore del cleaning: è chiaro che una tecnologia come questa è in grado di gestire una mole sterminata di informazioni. Ed è altrettanto chiaro che in questo scenario tutti potranno trarne vantaggi, a patto, naturalmente, che si sviluppino le competenze richieste.

Fonte: GSA News

iot

CONTATTI

INDIRIZZO
AZ SERVICES POINT S.r.l.
Via Grandi 28 - 20090 Segrate (MI)
TELEFONO | FAX
Tel: +39 02 26 92 50 98
Fax: +39 02 36 57 62 69
INDIRIZZO MAIL
info@azservicespoint.com
SIAMO CERTIFICATI