Archivia per aprile, 2015

Le aziende italiane risultano le più attente a livello globale per quanto riguarda salute e sicurezza sul lavoro

BY: Staff AZ Services Point

Ad affermarlo è un’indagine internazionale, condotta nel 2014 da DNV GL Business Assurance in collaborazione con l’Istituto di ricerca GFK. I ricercatori hanno evidenziato che per il 96% delle aziende italiane la gestione della salute e della sicurezza sul lavoro rientra fra gli elementi strategici delle imprese e che l’88% di queste implementa in maniera efficiente tale attività adottando politiche di tutela che vanno addirittura oltre agli obblighi di legge.

Salute e sicurezza sul lavoro sono da sempre la priorità di AZ Services Point, che non solo applica rigorosamente la normativa del D.Lgs. 81/08 in seno all’azienda, ma si avvale esclusivamente di fornitori con le medesime comprovate caratteristiche.

I principali rischi da gestire nei confronti degli addetti e dell’ambiente di lavoro sono rumori, vibrazioni o radiazioni, seguiti da aspetti ergonomici, presenza di sostanze chimiche e organizzazione del lavoro. Per contrastare tali rischi le aziende italiane privilegiano i controlli medici per i lavoratori, seguiti dalle attività di valutazione dei rischi potenziali, dalle attività di manutenzione e da quelle di formazione.

Anche se le aziende in Italia si occupano di salute e sicurezza sul lavoro principalmente per rispettare le leggi e per essere in regola con le politiche interne, il 43% dei manager intervistati ritiene comunque che i benefici per l’azienda siano superiori ai costi, vista la reale diminuzione del numero degli incidenti e il conseguente miglioramento delle relazioni con i propri dipendenti.

L’esigenza di continuare a gestire efficacemente i rischi promuovendo attività specifiche di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro si scontra però inesorabilmente con la mancanza di risorse a causa della tutt’altro che rosea situazione economica italiana. E ancora molto resta da fare per sviluppare una vera cultura della tutela di salute e sicurezza da parte delle imprese, come ha sottolineato Luca Crisciotti, Ceo di DNV GL nella presentazione di questa indagine al mercato.

sicurezza_lavoro

Fonte: http://dimensionepulito.it/articoli/servizi/379-le-scelte-della-italia.html

Parte il Fondo Asim per la previdenza sanitaria integrativa delle imprese di pulizia

BY: Staff AZ Services Point

È finalmente operativo il Fondo Asim, l’Ente di assistenza sanitaria integrativa per i dipendenti delle imprese di pulizia.

Ma chi si deve iscrivere al Fondo?

L’iscrizione è obbligatoria per tutti i lavoratori dipendenti assunti a tempo indeterminato con il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro da imprese esercenti servizi di pulizie e servizi integrati/multiservizi.

Il datore di lavoro deve perfezionare l’iscrizione a partire dal primo giorno del mese successivo a quello di assunzione e l’illegittima mancata iscrizione lo espone a responsabilità nel caso il lavoratore rivendichi il suo giusto diritto alle prestazioni sanitarie coperte dal Fondo.

Il Fondo ha lo scopo di garantire ai lavoratori iscritti trattamenti di assistenza sanitaria integrativa al Servizio Sanitario Nazionale.

asim

CONTATTI

INDIRIZZO
AZ SERVICES POINT S.r.l.
Via Giorgio Jan, 5 - 20129 Milano (MI)
TELEFONO
Tel: +39 02 36 52 16 65
INDIRIZZO MAIL
info@azservicespoint.com
SIAMO CERTIFICATI